Black Sabbath “Live in Brussel 1970”

bs70Live in Brussel 1970 – Far Out Records Out 1004 Europa. Lato A: Paranoid/ War Pigs/ Iron Man/ Black Sabbath Lato B: N.I.B./ Behind the Wall of Sleep/ Hand of Doom/ Rat Salad/ Fairies Wear Boots. Live at Theatre 140, Brussel, Belgio, il 3 ottobre 1970.

Ascoltare i Sabbath in una così bella incisione ed in una serata di gran vena musicale, è sempre un gran piacere…

…soprattutto se si considera che stiamo parlando di uno dei primi tour effettuati dal gruppo di Birmingham in Europa, all’alba degli anni ’70. Il sound è decisamente di qualità superiore alla media e questo fa senza meno risaltare la performance del gruppo in tutti i sui elementi. Non posso dire (e non lo credo nemmeno) che si tratti di una incisione conmpleta, ma i brani scelti sono senza meno molto rappresentativi della forza musicale e scenica dei Sabbath dal vivo, momento dove il gruppo ha trasmesso sempre molta energia ed emozione al suo pubblico: la track list inizia con Paranoid, suonata con forza e pulizia, una versione “accademica” del brano, senza alcuna sbavatura o indecisione, per passare attraverso l’introduzione di Ozzy nel brano seguente, War Pigs, solenne nel suo intro ed incalzante per tutta la durata nei fraseggi tra Iommi e Butler, ben supportati da Bill ward alla batteria, un personaggio forse sottostimato negli anni circa il suo contributo al sound dei Sabbath, ma se ben ascoltato in concerto, sicuramente molto rivalutabile dal lato musicale; il brano è in una versione abbastanza lunga e al termine viene seguito da un altro pezzo forte della band, Iron Man, con minori effetti alla voce, ma ottimamente interpretato da Ozzy Osbourne, che in questa ed altre performance dell’epoca, udite udite, dimostra anche di avere una voce decisamente potente ed adatta al genere musicale dei Sabbath. In un ottima sequenza arriva una bella versione di Black Sabbath, interpretata con grande feeling da Osbourne, ben coadiuvato dal ritmo imposto al brano dal duo basso e batteria, incalzanti e potenti oltremodo. Cambiando lato del vinile si ascolta subito una versione di N.I.B. molto efficace, anche questa eseguita con precisione, seguita da un filotto di brani di grande interesse: si parte con Behind the Wall of Sleep, nel quale inizia a porsi in evidenza il duo Iommi/Butler, soprattutto il primo inizia a lasciare un impronta marcata sulla serata, si continua con Hand of Doom, dove Iommi da ottima prova di se, dimostrando la forte influenza jazzistica nella sua interpretazione dell’uso della chitarra elettrica, con ottimi scatti e frenate su scale di chiara estrazione jazz, si prosegue con Rat Salad, corto e preciso, per finire in Fairies Wear Boots, in una ottima  e potente versione, scandita dalle ritmiche sincopate di Bill Ward, assecondato dal basso di Geezer Butler e dalla Gibson SG di Tony Iommi. In sostanza, un ottimo progetto sonoro, ben supportato da una grafica di alto livello qualitativo, jacket fold out corredato di foto a colori della band in azione sul palco, non saprei dire se correlate o meno alla giornata di Brussel, ma particolarmente interessanti. Per gli amanti dei Sabbath e del genere, direi un ascolto raccomandabile!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *